COMUNALI A CAGLIARI: INTERVISTA AD IGNAZIO SANNA

COMUNALI A CAGLIARI: INTERVISTA AD IGNAZIO SANNA

Manca meno di una settimana a questa, ennesima, tornata elettorale, che vedrà ancora una parte dei cittadini alle urne per rinnovare il consiglio comunale della propria città. A ciò non si sottrae nemmeno Cagliari che, orfana del suo primo cittadino, approdato in consiglio regionale dopo le recenti elezioni, domenica 16 vedrà presumibilmente una corsa a due tra Francesca Ghirra, sostenuta dal centro sinistra e Paolo Truzzu, appoggiato da una lista di centro destra. Ormai alla battute finali, i contendenti non hanno certo lesinato attacchi  tra loro e in alcuni casi sono anche stati vittime di fake news a cui ormai siamo tristemente abituati negli ultimi anni, quasi fossero la normalità. Poichè il consiglio comunale sarà formato non solo dai pretendenti allo scranno di sindaco ma soprattutto dai consiglieri, abbiamo raggiunto un candidato al consiglio comunale sotto il vessillo di Fortza Paris, Ignazio Sanna,  che ha voluto rispondere ad alcune domande, aiutandoci a capire che aria tira tra i candidati giunti alla resa dei conti con gli elettori.

1. Cosa ti ha spinto a candidarti alle elezioni comunali?

Fin da bambino guardavo con occhi innamorati la mia Cagliari; oggi che sono cresciuto ritengo di poter contribuire in prima persona ad affrontare e a risolvere alcuni dei suoi molteplici problemi, mettendo a disposizione il mio tempo e le mie competenze, in una prospettiva di maggiore innovazione e sostenibilità circa:

1) la vivibilità di una città gravemente disorganizzata e invasa dalle auto, con una cronica mancanza di parcheggi;

2) il rilancio del commercio tradizionale fortemente depresso ed ostacolato dal proliferare degli iper-mercati e da una burocrazia impazzita ;

3) la valorizzazione della nostra cultura per fare di Cagliari una “città turistica”.

Credo fermamente che si possa amministrare in modo serio e onesto restituendo ai cittadini la fiducia, e alla politica il suo vero e più alto significato; sapendo anche che, nelle elezioni comunali, un maggior valenza assumono la competenza, la storia personale e l’affidabilità dei candidati.

2. Forza Paris è un partito radicato nel territorio e già dentro la compagine della maggioranza in Regione, che peso potrà avere nel consiglio Comunale del Capoluogo?

Avrà in ogni caso un peso cruciale e importante. Se a vincere le elezioni sarà la coalizione di centro-destra, con Paolo Truzzu Sindaco, porterà e svilupperà i propri valori all’interno della amministrazione cittadina. Se vincerà la coalizione opposta, avrà un compito di monitoraggio e controllo degli amministratori, al fine di rendere il più trasparente possibile, ai cittadini, l’operato e le azioni concrete della Giunta.

3. Quali sono le prime tre questioni che vorresti affrontare subito se dovessi essere eletto?

Ce ne sarebbero tante ma, se dovessi scegliere le 3 più pressanti, la prima sarebbe senza dubbio quella dello sviluppo del lavoro, ad iniziare dallo snellimento della “folle” burocrazia con cui le imprese devono quotidianamente scontrarsi. La seconda sarebbe quella riguardante Cagliari “città turistica”, attraverso lo sviluppo delle strutture ricettive e la valorizzazione della cultura sarda come elemento attrattivo, ulteriore e non subalterna all’indiscussa bellezza del nostro mare; la terza questione sarebbe quella della razionalizzazione dei trasporti pubblici con, ad esempio, l’incremento di corsie preferenziali.

4.Turismo e qualità ambientale: un connubio che a volte confligge. Quali iniziative porteresti avanti per dare alla città di Cagliari uno sviluppo  organico e coerente?

Cagliari è una citta con forte vocazione turistica. Un turismo di qualità non può prescindere da un ambiente sano e pulito. E’ auspicabile una forte spinta alla decarbonizzazione con l’utilizzo di un vettore energetico come il metano sia per il trasporto pubblico e privato e sia nei consumi energetici per il riscaldamento. Adotterei pertanto iniziative, in sinergia con la politica regionale, con incentivi per favorire l’uso dei carburanti alternativi (gnl, idrogeno ed elettrico) nel trasporto pubblico e privato che genererebbe una notevole riduzione delle polveri sottili, dell’anidride carbonica e degli ossidi di zolfo e azoto.

E il sempre più auspicabile incremento dei traffici marittimi con arrivo delle navi da crociera nel porto crea un problema ambientale da non sottovalutare. Non tutti sanno che queste grosse città naviganti hanno necessità di stazionare nel porto tenendo i motori accesi a causa del  notevole assorbimento elettrico con incredibili emissioni inquinanti. Infrastrutturare le banchine con la loro elettrificazione (cold ironing) mediante l’uso di cogeneratori alimentati a metano liquido darebbe un servizio di altissimo profilo qualitativo e ambientale.

5. Dopo due mandati dell’amministrazione Zedda, perché i cittadini dovrebbero cambiare coalizione nell’amministrazione di Cagliari?

I risultati della precedente amministrazione Zedda sono più che evidenti. Oltre alle piste ciclabili (incompiute per la maggior parte), alle rotatorie e alla raccolta differenziata, peraltro introdotta senza una minima programmazione e informazione, non resta molto. Nessun intervento mirato allo sviluppo cittadino è stato fatto.

6. Che contributo potresti dare come consigliere comunale?

Il mio contributo sarebbe contraddistinto dall’onestà, dalla coerenza e dall’impegno al fine di portare avanti i temi che maggiormente interessano i cittadini cagliaritani.

7. Come mai hai scelto di candidarti con Forza Paris?

Fortza Paris è un partito che, personalmente, ho sempre ammirato in quanto formato da persone oneste, capaci ed intraprendenti che rispecchiano in pieno lo stile ed il carattere del suo presidente, Gen.le Gianfranco Scalas.

8. Manca poco alle elezioni comunali, se dovessi convincere gli ultimi indecisi, cosa diresti loro?

Direi che bisogna avere fiducia nelle persone oneste e perbene. Niente può mai cambiare se non si punta al cambiamento. Fortza Paris è il cambiamento ed io, fin d’ora, m’impegno, se mi verrà data fiducia, a farmi latore delle spinte al miglioramento ed al risanamento di Cagliari, dettate dai miei elettori, la cui volontà non tradirò mai.

Rating: 5.0/5. From 4 votes.
Please wait...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *